Notizie & Galleria fotografica

Anno 2020


Per un’educazione alla cittadinanza bioetica: itinerari di bioetica ed etica clinica per i cittadini di domani

Il CREC, a seguito della positiva esperienza maturata attraverso un progetto pilota, per il secondo anno ha organizzato un corso di formazione finalizzato ad attivare nei giovani una sensibilizzazione alla comprensione delle implicazioni etiche connesse allo sviluppo scientifico e tecnologico della società pluralista postmoderna, con particolare riferimento alle questioni biomediche legate all’inizio e alla fine della vita.
I destinatari sono stati gli alunni di classe terza e quarta dell’indirizzo biomedico sanitario del Liceo delle Scienze Umane “A. Manzoni” di Varese.
Il corso ha consentito di sensibilizzare gli studenti verso le principali tematiche bioetiche e dell’etica clinica che influenzano la società postmoderna attuale e futura, fornendo loro gli strumenti di pensiero adeguati a poter formulare e sostenere consapevolmente una propria posizione etica nell’esercizio diretto della pratica sanitaria, in merito a questioni che riguardano la medicina, la salute, la vita, in accordo con l’indirizzo di studi specifico (canale biomedico sanitario).
Il CREC ha voluto condividere l’importanza di saper collaborare all’interno di un gruppo per elaborare processi decisionali su tematiche di natura bioetica, quindi il valore di saper ricercare la condivisione e la mediazione, pur nel rispetto delle differenti posizioni bioetiche e infine il significato di acquisire un atteggiamento responsabile nei confronti della condivisione e divulgazione di tematiche bioetiche.
Infine il CREC ha previsto di attivare un corso rivolto sin da subito agli studenti più giovani delle classi seconde finalizzato alla costruzione di un itinerario di educazione alla prosocialità quale strumento di prevenzione al disimpegno morale, funzionale alla formazione dei futuri cittadini di domani, quali protagonisti attivi e responsabili sia nella sfera personale sia in quella comunitaria.

Docenti CREC:
Prof. Mario Picozzi, Dott.ssa Elena Ferioli, Dott.ssa Silvia Siano

Referenti Liceo Manzoni:
Prof.ssa Stefania Barile, Prof.ssa Antonella Rudi, Prof. Giuseppe Lombardo


CREC e Comitato Etico ISS

Aurelio Filippini membro attivo del CREC dal 2016, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Varese e tra i principali autori e coordinatori del nuovo Codice deontologico degli infermieri è stato nominato componente del Comitato etico dell’ISS. La nomina è contenuta nel decreto ISS 122/2020 a firma del presidente dell’Istituto Silvio Brusaferro.
Il Comitato Etico opera come organismo guida e di valutazione sotto il profilo etico per le ricerche e per le sperimentazioni, in conformità con la normativa, si ispira ai principi etici fondamentali, indicati nei documenti di riferimento degli organismi internazionali (UNESCO, WHO, Consiglio d’Europa, Unione Europea), nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, nella deontologia nazionale e internazionale.
Ha inoltre la responsabilità di garantire la tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere delle persone in sperimentazione e di fornire pubblica garanzia di tale tutela, di valutazione, approvazione e monitoraggio degli studi clinici, osservazionali, epidemiologici, diagnostici, di sanità pubblica, con dispositivi medici, con l’utilizzo di materiale biologico umano, con implicazioni di etica ambientale.
Il Comitato Etico ha anche funzione consultiva verso l’ISS in relazione a questioni etiche legate ad attività scientifiche, assistenziali, didattiche e amministrative, per proteggere e promuovere i valori etici e il rispetto della persona umana.

Componenti del comitato etico dell’ISS


Un po’ di CREC nell’equipe dell’Asst varesina in prima linea per il COVID

Da ottobre 2020 un’equipe dell’Asst varesina ha iniziato a lavorare nelle terapie intensive allestite a Rho contro l’emergenza. Sono 18 tra intensivisti, specializzandi ed infermieri i componenti dell’organico sanitario dell’Asst Sette Laghi che hanno risposto all’ appello lanciato dalla Regione per operare nella più grande Terapia Intensiva del mondo, quella allestita nella sede della Fiera di Milano. A dirigere l’equipe il professor Paolo Severgnini, Direttore della Terapia Intensiva Cardiochirurgica e della Scuola di Specialità di Anestesia e Rianimazione dell’Università dell’Insubria ed inoltre importante membro del Consiglio scientifico del Centro di Ricerca in Etica Clinica (CREC).


Il nuovo tesoriere EACME è un aderente del Centro di Ricerca in Etica Clinica

L’EACME, a pieno titolo l’Associazione Europea dei Centri di Etica Medica, è stata fondata all’inizio degli anni ’80 da un piccolo gruppo di teologi, filosofi e medici con l’intenzione di creare una rete di centri di etica medica in Europa con lo scopo di rafforzare l’insegnamento, la ricerca, la comunicazione e il dibattito sulle questioni etiche nella pratica medica, nella politica sanitaria e nelle scienze mediche.
La data ufficiale di inizio dell’EACME è il 2 dicembre 1986 e l’associazione si è ampliata negli anni novanta, quando i centri di bioetica in Europa collaboravano sempre più a progetti di ricerca e insegnamento finanziati dalla Commissione Europea. Nuovi centri, tra cui il CREC, si sono nel tempo uniti all’organizzazione, da tutto il continente europeo, stimolando e rafforzando il carattere pluralista di EACME.
Federico Nicoli laureato in Scienze Filosofiche, dottore di Ricerca in “Medicina e Scienze Umane” presso l’Università degli Studi dell’Insubria, attualmente responsabile del Servizio di Etica Clinica presso la Casa di Cura Domus Salutis di Brescia e membro del Consiglio Scientifico del CREC è stato eletto tesoriere del Comitato Esecutivo EACME.


Anno 2018

La ricerca infermieristica del CREC riconosciuta con due PhD.

Fotografia di Aurelio Filippini e Istvan Piffer Gamberoni.


Anno 2017

EACME- Paul Schotsmans prize 2017

Premio internazionale  in Consulenza Etica Clinica   conferito ad una dottoressa di ricerca delDottorato di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale e Medical Humanities, curriculum Medicina e Scienze Umane, all’Università degli Studi dell’Insubria.

Cliccare qui per maggiori informazioni